lunedì 29 luglio 2013

Anteprima: Le Fiabe dei Grimm per grandi e piccoli - Philip Pullman


Attualmente sto leggendo Il cannocchiale d'ambra, il terzo e ultimo romanzo della trilogia Queste Oscure Materie di Philip Pullman. Chi mi segue su Facebook probabilmente lo saprà già, ma lo ripeto anche qui per essere chiari: quest'autore è un genio.
Mi è capitato di leggere tanti libri belli in quasi diciotto anni, ma sono molto pochi quelli che hanno segnato così nel profondo il mio modo di vedere determinate cose (in questo caso si tratta proprio di certe oscure materie) come è riuscito a fare Pullman grazie a tre magnifici, complessi libri. 
Chi dice che il fantasy è roba per bambinetti dovrebbe darsi in testa questa trilogia, metaforicamente e anche no. 
Tuttavia in questo post non voglio parlare di Queste Oscure Materie, cosa che farò a tempo debito, ma di un'altra opera dello scrittore più pericoloso d'Inghilterra (così il Vaticano ha etichettato Pullman, iniziate a capire perché lo amo?). 
Come tutti i lettori quando adocchiano una penna particolarmente ammirevole, ieri girovagavo in rete per segnarmi tutte le pubblicazioni più interessanti di quest'autore, ed stato lì che sono incappato nel suo Le fiabe dei Grimm per grandi e piccini, ovvero Grimm Tales for young and old, un volume che avevo a tempo puntato su Amazon.uk, che desideravo spasmodicamente e che ero davvero tentato di acquistare in lingua. Fortunatamente la casa editrice Salani ha deciso di ascoltare le mie preghiere fissando la pubblicazione italiana del suddetto volume per il prossimo 31 Ottobre.
Sì, lo so, c'è da aspettare, ma, se come me siete degli inguaribili pigroni e leggere in lingua vi sembra una fatica assurda, secondo me ne vale la pena.
Mi rendo conto, però, che il titolo e la copertina italiani fanno tanto ennesima riscrittura di fiabe già note senza alcuna nuova prospettiva aggiunta. Stando alle recensioni estere e da alcuni stralci che Amazon mette a disposizione come anteprima, però, non è affatto così e sinceramente non faccio molta fatica a crederci.
Basta leggere le sue opere o qualche intervista per rendersi conto di quanto Pullman sia molto colto e davvero ferrato in fatto di letteratura e mitologia, nonché un brillante narratore, e questa raccolta di cinquanta fiabe dei fratelli Grimm, che spaziano dalle più famose alle meno conosciute, promette sia di dare un nuovo e più perfido volto a dei racconti che tutt'ora continuano a cavalcare le generazioni e a segnare le menti di giovani e adulti, sia di mantenersi fedele ai valori sacri della tradizione filologica, con tanto di interessante apparato critico. 
Non so come spiegarvelo, non credo possiate capire se non avete letto nulla di suo prima d'ora, ma Pullman potrebbe, a mio parere, scrivere una lista delle spesa e riuscire comunque a tirare fuori delle tematiche interessanti e per chi, come me, è affascinato dall'oscurità delle antiche fiabe, questo volume è sicuramente da non perdere.
Scusate la cover un po' sgranata, purtroppo c'è solo questa in giro per ora. 


Titolo: Le fiabe dei Grimm per grandi e piccoli
Autore: Philip Pullman
Prezzo: 15.50€
Dati: 2013,350p.,rilegato
Editore: Salani
Disponibile dal: 31 Ottobre 2013

Trama:
Il mondo dei Grimm può essere un luogo atroce. Ma vale la pena di esplorarlo. Perché nella vita, è nelle zone più buie che si trovano la bellezza più abbagliante e la saggezza più fulgida. Pullman compie sulle fiabe dei Grimm un’eccezionale operazione di riscrittura. Le sue versioni di Cenerentola, Cappuccetto rosso e di altre favole conservano il carattere onirico, magico e mitologico delle versioni più tradizionali, ma allo stesso tempo introducono elementi inediti che le rendono storie nuove, non solo interessanti «esercizi» di un filologo attento e sensibile.

L'autore:
Nato in Gran Bretagna, Philip Pullman è vissuto in Zimbabwe e Australia, prima che la famiglia si stabilisse nel North Wales. Ora vive a Oxford. È autore di romanzi, racconti e adattamenti teatrali. Con La bussola d'oro (The Golden Compass), primo episodio della trilogia «Quelle oscure materie» (gli altri episodi sono La lama sottile e Il cannocchiale d'ambra, tutti editi in Italia da Salani), ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra i quali la Carnegie Medal e il Guardian Children's Fiction Prize. The Golden Compass è anche un film realizzato nel 2007 da Chris Weitz con Nicole Kidman e Daniel Craig. Del 2009 il film The Butterfly Tatoo di Phil Hawkins, da un altro suo romanzo omonimo degli anni Ottanta. Ponte alle Grazie ha pubblicato nel 2010 la sua originale rilettura della storia di Gesù Il buon Gesù e il cattivo Cristo. 

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento.


15 commenti:

  1. Grazie per questo post... non conoscevo l'autore ma ora voglio leggere sicuramente qualcosa di suo e aspetterò come te il 31 ottobre (avranno scelto una data a caso?!) per avere "Le fiabe dei Grimm per grandi e piccoli" ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ti consiglio vivamente di dare una possibilità alla sua trilogia, Queste Oscure Materie, perchè è meravigliosa. Non aspettarti un fantasy alla Harry Potter, però, Pullman è più cattivello e i suoi romanzi sembrano destinati ai ragazzi ma in realtà hanno livelli di lettura così profondi da poter essere percepiti, almeno in parte, solo se si ha una certa maturità intellettuale.
      C'è filosofia, mitologia, tanto simbolismo... l'ho già detto che è un genio? :D
      Sì, è vero il fatto che esca il giorno di Halloween non è sicuramente casuale xD

      Elimina
    2. Mi sono un pò documentata sulla bibliografia di Pullman e mi ha colpita la saga di 'Sally Lockhart':
      - Il rubino di fumo
      - L'ombra del nord
      - La tigre nel pozzo
      - La principessa di latta
      Tu che ne dici? Hai già avuto modo di leggerla?
      Grazie per i tuoi consigli Leo ;-)

      Elimina
    3. No, purtroppo non gli ho ancora letti, ma so che sono romanzi per lettori più giovani rispetto alla trilogia di QOM.
      Magari prova, inizia con quelli e vedi se ti piace, potrebbe essere che anche lì vi siano dei sottotesti per adulti :)
      Comunque a me di Pullman interessava specialmente "Il buon Gesù e il cattivo Cristo", una specie di dissacrante riscrittura della vita di Gesù. Pullman è ateo, ecco perchè credo sia sicuramente interessante vedere il suo modo di trattare la storia biblica.
      Oh, e due altri suoi romanzi che mi sono spesso stati consigliato sono "Jack il diavolo a molla" e "La farfalla tatuata", da cui è anche stato tratto un film :)

      Elimina
  2. Il mio amato Pullman, finalmente! Leo, dopo la nostra chiacchierata, dobbiamo solo aspettare il quarto libro! Tremo al solo pensiero *_* E che bella notizia che mi dai in questa nerissima giornata!
    A presto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: "Il cannocchiale d'ambra" dei tre è il mio preferito in assoluto! Non vedo l'ora di sapere che ne pensi!!
      PS 2: ho persino ideato un giveaway sul mio blog con tutta la trilogia in palio xD
      PS3: Ho detto quanto amo la casa editrice Salani? No, non l'ho detto. Ti Amo infinitamente, Salani <3

      Elimina
    2. Vero, Il cannocchiale d'ambra è il migliore dei tre per temi, stile e presa sul lettore, non c'è alcun dubbio.
      La Salani è una casa editrice fantastica: non smercia fuffa solo per vendere qualche copia in più e i livelli dei suoi fantasy sono quasi sempre molto alti, sia per gli autori esteri che nostrani.
      Per non parlare della stupenda collana Gli Istrici, anche se non credo sia più vigore ormai :/

      Elimina
  3. Credo di essere l'unica ad essersi annoiata fino alle lacrime con la trilogia di Pullman... direi che questa nuova versione delle favole sarà un'ottima occasione per vedere se io e lui abbiamo possibilità di andare d'accordo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo tu sia l'unica, i pareri su Pullman sono spesso contrastanti : )
      Io amo i retelling e ho anche letto qualche saggio sulle fiabe dei Grimm, quindi credo che lo avrei preso a prescindere, l'autore è solo un interesse in più.

      Elimina
  4. Applausi, applausi! Come ho già detto fino alla nausea su Facebook, i Grimm fanno parte del mio pantheon personale, e sapere di qualcuno che ne ha ricreato le atmosfere riscrivendole, mi incuriosisce da matti. Tanto più che conosco Pullman solo di fama, per cui sarebbe ora di approfondire la conoscenza.
    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, cara, hai tutta la mia benedizione! u.u

      Elimina
  5. Oh, Pullman *__*
    Ho amato quella trilogia! E ho letto anche il piccolissimo "La Oxford di Lyra"! Introvabile, tra l'altro xD ho dovuto ordinarlo su internet :)
    Grazie mille per la segnalazione *_______*
    Non sapevo dell'uscita di questo nuovo libro, ed è inutile dire che ha già un posto riservato sullo scaffale nella mia libreria xD
    Liv.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello prima o poi dovrò recuperarlo anch'io, insieme alla Guida alla Bussola d'oro (lo so, sembra una cosa scema, ma mi hanno detto che, al contrario, è molto interessante).

      Elimina
    2. Finalmente ho creato un account!
      Non sapevo nemmeno esistesse questa Guida! La cercherò in giro e le darò un'occhiata *__*

      Elimina
  6. ma in questo volume ce anche la bella e la bestia???

    RispondiElimina