mercoledì 28 settembre 2011

Recensione: Beastly - Alex Flinn


Nome: Beastly
Autrice: Alex Flinn
Prezzo: 15.00€
Dati: 2010, 384p., rilegato
Editore: Giunti Y

Trama:
Kyle Kingsbury è ricco, bello e popolare. A scuola è considerato quasi un dio, è abituato a prendersi gioco di tutti e quando arriva Kendra, una ragazza bruttina ed emarginata, decide di farle un terribile scherzo. Non può sapere che lei, una strega sotto mentite spoglie, lo maledirà per la sua crudeltà, tramutandolo in una bestia. Orribilmente deturpato, Kyle è costretto a vivere isolato nell’appartamento-prigione in cui il padre l’ha confinato per nasconderlo. Due anni: questo il tempo che Kyle ha per spezzare l’incantesimo, e l’unico modo è innamorarsi ed essere riamato. Altrimenti rimarrà così per sempre.

L'autrice:

Laureata all'Università di Miami ha esercitato nel campo della giurisprudenza per 10 anni, anche se il suo desiderio fin da bambina era di diventare una scrittrice. Infatti si ritirò dalla professione e si dedicò completamente alla scrittura, dando alla luce il suo terzo libro (i precedenti due erano stati Breathing Underwater e Diva).

Molti tra i suoi sette romanzi sono stati nominati nella lista della American Library Association come miglior libro per young adults. Una curiosità: i libri di Alex Flinn sembrano piacere molto a lettori e lettrici che non amano molto leggere, tanto che molti dei suoi libri sono stati nominati per il premio dedicato ai lettori "recalcitranti" (Quick Picks for Reclutant Young Adults Readers). 

Beastly è il suo sesto libro, da cui è stato tratto un film, è uscito nel 2011.


Recensione:
Ormai l'autunno è tra noi e per me diventa sempre più difficile dedicarmi completamente al blog come succedeva durante le giornate estive. Ce la metto sempre tutta per fornirvi quanto più materiale letterario possibile (news, anteprime, recensioni...), ma intendo solo giustificarmi se, in futuro, vedeste magari un certo rallentamento o una concentrazione di nuovi articoli in un solo giorno, come è accaduto ultimamente; purtroppo devo fare i conti anche con gli impegni scolastici che mi portano via molto tempo libero e, allo stesso tempo, non intendo nemmeno far scendere la qualità di questo spazio online, perché voi siete fantastici e io intendo ricambiare il vostro affetto impegnandomi sempre al massimo.
Tornando alla recensione, ho iniziato a leggere molto di più durante le ore serali, quando la luna brilla alta nel cielo e crea quell' atmosfera magica, poetica e surreale. 
Atmosfera che mi ha aiutato ad apprezzare ancor di più Beastly di Alex Flinn, di cui io avevo già visto il film che ne è stato tratto e che mi aveva lasciato un po' perplesso, forse per colpa della grandi aspettative e delle sostanziali (enormi!) modifiche che sono state apportate nella trasposizione cinematografica. Ho resistito a lungo alla voglia di acquistare questo romanzo, ma alla fine ho ceduto; galeotti siano gli sconti su Amazon!

Ricordate La Bella e la Bestia? Quella dolce fiaba su un principe trasformato in mostro e la bella che riuscì a guardare oltre il suo orribile aspetto?
Ebbene Alex Flinn regala a tutti noi sognatori questo piccolo e dolce romanzo che riporta le vicende già conosciute, riadattate in chiave moderna, ambientate nella New York del ventunesimo secolo. 


Sono pecore che seguono il gregge. Votano per le persone cosiddette popolari perchè è facile. La bellezza esteriore: capelli biondi, occhi azzurri, è sempre facile riconoscerla. Ma se qualcuno è forte, in gamba, è difficile vederlo.

Kyle Kingsbury è bello, ricco e popolare, la vita sembra sempre sorridergli, tutte le ragazze lo desiderano, tutti vogliono essere suoi amici, chiunque vorrebbe avere il suo aspetto; e lui lo sa bene. Approfitta della sua popolarità per essere perfido e crudele con chi non ne ha, o con chi, secondo i suoi canoni, non è abbastanza bello, sostenendo che l'aspetto fisico sia l'unica cosa che conta nella vita. 
Ma l'incontro con Kendra lo costringerà a cambiare idea. 
Lei è una tipa solitaria, grassoccia, dall'aria oscura e il look simile a quello di una strega, non esita però a dire sin da subito a Kyle cosa pensa del suo comportamento senza troppi giri di parole. Il ragazzo si infuria e non accetta il confronto, organizzando un modo per vendicarsi in occasione del ballo annuale di primavera, di cui lui, ovviamente, è stato eletto principe; le chiede di poter essere suo accompagnatore, ma si presenta alla festa con Sloane Hagen, la ragazza più bella della scuola quanto la più capricciosa e viziata, umiliando Kendra dinanzi a tutti i partecipanti. Un gesto a cui la ragazza risponde con un minaccioso "Vedrai", che inquieterà Kyle per il resto di quella che sarebbe dovuta essere la sua serata. E a tarda notte, rincasando dopo aver festeggiato con Sloane, troverà Kendra ad aspettarlo. Lei si rivelerà una bellissima e incantevole strega, nascosta sotto le sembianze di semplice studentessa, intenzionata a punire Kyle per la sua perfidia e incontrollabile vanità. Una punizione che il ragazzo non dimenticherà facilmente. 
Il bellissimo principe di New York viene trasformato in un' orripilante bestia con zanne, artigli e peli su tutto il corpo. 
Per lui ha inizio una nuova vita. 
Il padre, famoso giornalista televisivo, consulta tutti i migliori medici del paese, disposto  a pagare qualsiasi cifra pur di riavere indietro il suo bellissimo figlio, ma quando anche i più esperti sono concordi nel dire che non c'è cura per Kyle, preferisce rinchiuderlo e abbandonarlo in un' enorme casa a Brooklyn, controllato dalla domestica Magda, lontano dagli sguardi della gente, richiuso in una gabbia d'oro affinché non si sogni mai di uscire per la città e mettere a repentaglio quell'imbarazzante segreto.
Kyle improvvisamente si ritrova a non avere più nulla se non i beni materiali che il padre continua a fornirgli. Ma lui è solo, senza nessuno con cui parlare o confidarsi. Solo, come in realtà è sempre stato. Fortunatamente avrà accanto a sè Magda e, ben presto, anche il simpatico Will, insegnante privato cieco, assodato dal padre per la sua istruzione.
Ma solo questo non basterà ad aiutarlo. 
Lui deve cambiare dentro per poter mutare fuori, deve provare il vero amore per una ragazza che lo corrisponda guardando oltre il suo mostruoso aspetto e suggellando il sentimento con un bacio: è questa l'unica via concessa da Kendra per spezzare il terribile incantesimo  E avrà solo due anni di tempo. O resterà così per sempre.
Una missione impossibile per chi è sempre stato abituato ad avere tutto dalla vita. Ma l'animo di Kyle è come una bellissima rosa bianca ricoperta da spine, che aspetta solo il momento giusto per sbocciare e mostrare la sua reale bellezza. E l'arrivo di Lindy potrebbe insegnarli finalmente ad amare.
La Bella e la Bestia è da sempre la mia fiaba preferita e non capisco ancora il motivo per cui non mi sia buttato sin da subito su questo libro. Certe volte sono proprio ostinato!
Beastly è un romanzo fresco, dolce, leggero, intriso di speranza, buoni propositi e magia. Mi è piaciuto il modo in cui la Flinn ha deciso di riadattare il tutto, facendo sì che fosse la stessa bestia a raccontarci la storia. 
La narrazione è molto fedele alla fiaba originale e ne segue gli sviluppi senza troppi cambiamenti alla base della trama, senza tradirla nè stravolgerla indiscretamente, eppure la scrittrice riesce a catturare nonostante tutto il lettore, creando una cornice di contorno e una serie di situazioni abbastanza diverse e modernizzate, tanto che alcune volte ho anche avuto dei dubbi sul finale, che, per chi conosce la storia, dovrebbe essere abbastanza prevedibile.
Nonostante sia un volume di poche pagine, che si susseguono molto velocemente, la storia sembra invece procedere prendendosi i suoi tempi, mostrandoci passo passo ogni fase della  nuova vita di Kyle: il cambiamento, l'accettazione, la ricerca di un amore, lo sconforto, la rinnovata speranza...
Sono molto carine le chatbox che chiudono ogni parte del libro e raggruppano insieme altri personaggi delle fiabe che si trovano a fare i conti con una trasformazione come quella della Bestia; davvero un'idea geniale e graziosa.
Un merito in particolare però va al personaggio di Will, ricco di spessore con la sua forza di volontà, solare e scherzoso nonostante la vita non sia stata molto clemente nei suoi confronti. Non mi è stato difficile immaginarlo come il mitico Lumière del cartone Disney. Molto intrigante è anche Kendra che, al contrario della storia originale, nel quale appare solo inizialmente, rimane presente per tutto il corso del romanzo e darà modo alla scrittrice di sorprenderci con un finale capace di stupire il lettore, che si ritroverà a pronunciare la fatidica frase <<Come ho fatto a non capirlo?>>.
Il difetto più grande che vi ho trovato è stata la caratterizzazione di Lindy, praticamente talmente inesistente da farmi risultare antipatico perfino il personaggio stesso, che in certe scene mi pareva freddo come un ghiacciolo. Niente a che vedere con l'equivalente disneyano in questo caso.
Mi è però piaciuta  la scelta dell'autrice di riadattare la sua situazione famigliare,
inserendoci  un padre drogato e violento, che preferisce cedere la figlia al primo sconosciuto pur di non pagare le conseguenze delle sue azioni. 
Questo libro diventa così più di una semplice fiaba: la storia di due ragazzi, abbandonati dai rispettivi genitori, che troveranno nell'amore l'unica via per fuggire al vuoto lasciato dalla mancanza affettiva dei genitori. 
Ho tifato sempre per Kyle, nonostante il suo caratteraccio iniziale, e, alla fine, ho anche tirato un sospiro di sollievo, carico di emozioni positive, nonostante l'happy ending, che, mentre in alcuni casi mi fa storcere il naso perché magari troppo sdolcinato, stavolta ho apprezzato di buon grado. Del resto, non è questo che cerchiamo in una favola? Un motivo per continuare a credere e a sperare.

Beastly è un romanzo che  farei leggere a molta gente, giovani o adulti che siano, perché non c'è alcuna distinzione quando indichi qualcuno per la strada solo perché è diverso da te. Una storia che regalerà al lettore la lezione più preziosa ed importante di tutte, spesso facilmente dimenticata:

L'amore non è mai brutto e la vera bellezza è quella che giace nel cuore.

Consigliato? Assolutamente.

Voto:
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic


Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento.


4 commenti:

  1. Beatrice Senza Cuore29 settembre 2011 13:33

    Anche a me è piaciuto molto, certo mai come la favola disneyana. Will è fantastico, ma hai ragione nel dire che lei è più fredda di un ghiacciolo >.<''
    E ancor peggio nel film che quando lui le mostra il suo aspetto se ne esce con un "Ho visto di peggio" , mi sono sentita gelare!

    RispondiElimina
  2. Il film, secondo me, è proprio terra terra. carino ma niente di che u.u
    Decisamente migliore il libro.

    RispondiElimina
  3. Ammazza che bell'articolo!! Completo, esauriente... belòla recensione :)

    Nonostante tutto lo vorrei leggere, sono curiosa :D

    RispondiElimina
  4. Non ho letto Beastly nè visto il film,ma di questa casa editrice ho comprato Paranormalmente, Luna, Promessi Vampiri e Starcrossed... credo che Beastly sarà il prossimo, la tua rece mi ha convinto ;)

    RispondiElimina