martedì 16 aprile 2013

Blog Tour: Ogni Giorno - Prima Tappa

Troppo spesso ci si lamenta della banalità, eterogeneità e piattezza delle pubblicazioni YA nel panorama italiano e proprio noi del blog Sangue d'inchiostro, un po' di tempo fa, pubblicammo un articolo abbastanza pungente sull'argomento per lamentarci della mala amministrazione del genere da parte delle case editrici nostrane, fomentata, purtroppo, dagli stessi lettori da mercato, quelli che leggono poco e, bisogna dirlo, leggono male, quelli che non cercano storie innovative, ma si accontentano sempre della stessa zuppa scaldata e riscaldata all'infinito, la stessa zuppa che ormai ha stancato, invece, tutti coloro che dalla lettura  - anche da quella per giovani adulti - vogliono quel quid in più, quella qualità che è stata distrutta dall'ennesimo facsimile del romanzo più venduto al momento. 
Tuttavia le case editrici devono vendere e, specialmente di questi tempi, osare diventa sempre più rischioso e, di conseguenza, raro. 
Eppure c'è ancora chi lo fa e va sostenuto. Ecco perchè ho deciso di partecipare a questo blogtour, atto a divulgare per la rete l'imminente uscita italiana di Ogni giorno, un romanzo di David Levithan, un simpatico individuo americano che rientra nella categoria degli scrittori YA più amati all'estero, ma decisamente ignorati da noi. Quanti hanno letto o sentito parlare del suo romanzo gay friendly Boy meets boy? Molto pochi immagino, e basta dare un'occhiata su Anobii per notare quanto questo titolo sia decisamente poco conosciuto in confronto a tanti altri romanzetti pseudo Twilight, o peggio, pseudo Fifty Shades - a dimostrazione di quanto in basso la letteratura (?) possa arrivare. 
Fortunatamente la Rizzoli ha deciso di offrire un'altra chance all'autore, pubblicando quello che è forse il suo romanzo più amato in patria, Ogni giorno, appunto, ovvero una storia finalmente originale, simpatica, profonda, ben scritta e soprattutto rispettosa nei confronti del cervello dei suoi giovani destinatari - alleluja!. 
Levithan prende, infatti, un tema sicuramente non nuovo per chiunque abbia studiato un po' di filosofia, quello dello stretto rapporto anima-corpo, e lo adatta per un personaggio il cui nome è composto da una sola lettera, A, ad indicare la sua essenzialità, il suo essere solo un' anima che, ogni giorno, trasmigra in un corpo diverso, incapace di porsi un freno e di sostare nella vita del corpo ospite per più di ventiquattro fuggevoli ore. Tutto questo farà da cornice ad una storia d'amore improbabile, profonda e resa magnificamente  grazie ad uno stile di scrittura tangibilmente delicato. 
Ho avuto l'onore di iniziare a leggere questo romanzo in anticipo rispetto all'uscita in libreria, in modo da potervi lasciare le suddette brevi e sintetiche impressioni da prima lettura (secondo il Kobo per adesso sono al 40%), ma soprattutto sono felice di poter ora passare al succo di questa tappa sul mio blog: la rivelazione della copertina del libro che, per quanto abbastanza simili, preferisco all'originale per i toni azzurri che sono stati sostituiti al cielo grigio e anonimo della versione USA . 

Titolo: Ogni giorno
Autore: David Levithan
Prezzo: 15.00€
Pagine: 2013,378p.,rilegato
Editore: Rizzoli
Disponibile dal: 24 Aprile

Com’è l’attimo in cui ci s’innamora? 
Come può una frazione di tempo così infinitesimale racchiudere una tale immensità? 
D’un tratto capisco perché le persone credano nei déjà-vu e nelle vite passate: tutti gli anni che trascorriamo sulla terra non potrebbero mai contenere ciò che provo adesso. 

Trama:
Da quando è nato, A si sveglia ogni giorno in un corpo diverso. Per ventiquattr’ore abita il corpo di un suo coetaneo, che poi è costretto ad abbandonare quando il giorno finisce. Affezionarsi alle esistenze che sfiora è un lusso che non può permettersi, influenzarle un peccato di cui non vuole macchiarsi. Quando però conosce Rhiannon, chiudere gli occhi e riprendere il cammino da nomade è impossibile. Per la prima volta si innamora e cerca di stabilire un contatto, di spiegare la sua maledizione. E Rhiannon s’innamora a sua volta dell’anima di A. Ma dimenticare il suo involucro, ogni giorno diverso, è difficile, e pian piano la loro relazione si fa più delicata di un vetro fragile. Nel disperato tentativo di non perderla, A tradisce le sue regole, prende a lasciare nelle esistenze quotidiane strascichi del suo passaggio, e qualcuno se ne accorge…


L'autore:
David Levithan è nato nel 1972 in New Jersey. È da anni direttore editoriale di Scholastic Press e fondatore di PUSH, il marchio Scholastic impegnato nella ricerca di nuove voci e nuovi autori. Con Rizzoli ha pubblicato Boy Meets Boy, vincitore del Lambda Literary Award. 
Contatti: Sito ufficiale, Facebook, Twitter

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento.


22 commenti:

  1. la storia mi incuriosisce molte e la copertina italiana mi piace molto di più di quella italiana! attendo di conoscere la tua opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercherò di recensirlo al più presto, anche se ho ancora molti post in arretrato :S

      Elimina
  2. Mi ispira moltissimo! E' sicuramente uno dei libri che attendo di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono stato parecchio felice di sapere che una casa editrice italiana ne aveva acquistato i diritti, dato che Amazon.uk te lo lancia praticamente addosso, inserendolo perennemente tra i consigli: non importa quali siano i tuoi gusti, Every Day c'è sempre! xD La storia mi sembrava davvero originale e stavo anche pensando di acquistare l'e-book in lingua.

      Elimina
  3. Adoro questo blogtour! Come sono felice di esserci anche io :D
    Comunque ho apprezzato il libro proprio per la sua originalità! Non c'è stata nemmeno una virgola che ho trovato banale, niente! L'ho letto praticamente in un giorno :)

    La copertina ammetto che preferivo l'altra che circolava a questa... non so non mi convince come sono stati piazzati i font... poi neri... va beh sono pignola XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto, a me piace molto quel cielo azzurro, ma è un puro gusto personale, me ne rendo conto. Sul font hai ragione, avrebbero potuto sforzarsi un po' di più. Perlomeno sono stati fedeli alla cover originale, così chi lo aveva visto girare in rete non farà fatica a riconoscerlo tra gli scaffali di una qualche libreria.

      Elimina
  4. Fantasticoooo!!! Muoio dalla voglia di leggerlo anch'io*_* E' bellissimo a quanto pare, mi ispira tanto... Ma...se volessi partecipare anch'io al blogtour? nn si può? :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franci! Essendo che il blogtour è stato organizzato con largo anticipo e i blog partecipanti sono stati già scelti, non è possibile partecipare all'interno delle tappe ufficiali. Logicamente, però, potrai scrivere tutti i post che vorrai e condividere il materiale man mano rilasciato con chi vuoi :D per questa tappa è stata rilasciata la copertina, ma nelle prossime ci saranno un sacco di altre sorprese!

      Elimina
    2. Ciao, grazie mille per la risposta tempestiva!:) Cmq ok, pensavo si trattasse di un altro tipo di blogtour, tipo quello che fanno i blogger americani.. Ne parlerò sicuramente sul mio blog, il libro merita!:) Grazie, a presto!

      Elimina
  5. E' sicuramente il libro che attendo di più, sembra proprio stupendo. Per la copertina ammetto che anch'io preferivo l'altra che circolava a questa che è molto più simile all'originale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, invece, la cover che circolava in questi giorni non convinceva più di tanto :/

      Elimina
  6. Meravigliosissimo! Anche io sono circa a poco più della metà e lo sto adorando :D Entro domani conto di finirlo. Comunque la copertina mi ha deluso parecchio! Non so se entrando in libreria lo degnerei di una chance :/ Mi pare proprio impostato male! In confronto a meraviglie come Colpa delle Stelle, Fallen e Acciaio (e non ho letto nessuno dei tre, quindi mi baso proprio su un parere oggettivo xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la cover di fallen sia una delle poche cose salvabili dell'intero libro, quella di Colpa delle stelle invece la trovo inadatta e preferivo la semplicità dell'originale, che tra l'altro era il disegno di un fan di Green, sai?.

      Elimina
    2. davvero?? non lo sapevo di Colpa delle Stelle! E non sapevo neanche che riguardasse il giusto :P In compenso sapevo di diverse brutte opinioni su Fallen! Però è una delle copertine gothic (ochesoio) meglio riuscite secondo me :)

      Elimina
    3. Sì, ricordo che quando, ai tempi, vidi il cartellone alla Mondadori rimasi incantato. Peccato che poi l'eccesso di romanzi con copertine pseudo-gothic abbia stancato,

      Elimina
    4. esattissimo, non posso che concordare :D ora li escludo a priori!

      Elimina
    5. veramente in tantissimi hanno comprato Fallen ispirati dalla copertina, con la conseguente delusione.

      Questo libro effettivamente l'avevo visto spesso su amazon ma non gli avevo mai dato più di una seconda occhiata. Ora ho letto la trama e sembra molto carino, poi i vostri pareri positivi non fanno che aumentare la voglia di leggerlo^^ per fortuna manca poco.

      Elimina
  7. ennesimo libro da inserire in wish-list. mi rallegro nel leggere che e' evidentemente tradotto anche bene!Della tua opinione mi fido, quindi credo che lo acquistero'.Quando esce?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scritto nel post, il 24 Aprile : )

      Elimina
  8. Sapevo da un pò di quest'uscita, oggi è il suddetto giorno x e fremo dalla voglia di correre in libreria ad acquistarlo. Avessi la macchina!
    La copertina mi piace molto, tanto quanto e forse più di quella originale, e potrei sembrare banale dicendo che l'azzurro è il mio colore preferito, ma è davvero così e le varie tonalità usate per creare la cover hanno attratto subito la mia attenzione, non ho potuto fare a meno di innamorarmene :)
    Bellissimo post, corro a leggere quello di Glinda!

    RispondiElimina
  9. Ciao Leo! Commento poco, ma ti seguo sempre perché so che non mi deluderai mai - abbiamo gusti piuttosto simili! :)
    Questa volta però ti devo proprio ringraziare, perché con questo libro (che andrò a comprare appena possibile) mi hai fatto conoscere uno scrittore che ahimè anche io ignoravo bellamente. In due giorni nemmeno ho letto Boy meets boy e l'ho adorato, davvero. Credo che leggerò qualsiasi suo libro, come è successo per John Green a partire da Colpa delle stelle.
    Quindi grazie, insomma, e continua così. :)

    P.S. Ho cercato la bibliografia di Levithan su internet, ma c'è solo in inglese e di libri in italiano ce ne sono davvero pochi, anche su Anobii (soprattutto ci sono i libri che ha scritto in collaborazione con altri scrittori). Mi chiedo se non me ne sia perso qualcuno oppure se in Italia siamo davvero messi così male.
    Ciao, di nuovo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo di suo qui in Italia c'è solo Boy meets boy e Ogni giorno. Oltre alle collaborazioni a cui hai accennato, ovviamente.

      Elimina